N° 103 2018-08-29T17:03:52+02:00

Dalla Lambretta alla Topolino di stoffa ne è passata…

Col fagotto di stoffe in spalla girava per contrade con la mamma detta “Maria fassoletti”: negli anni ’30 il ragazzo Armando Lorenzetti cominciò così. Oggi a Piovene il figlio Fabio ricorda racconti ascoltati e momentio di vita. Il papà continuò a commerciare da solo in bici, poi con la Lambretta, carica di materassi davanti alla sella e dietro di tessuti.
Poi finalmente arrivò la Topolino. I coniugi tornano a girare insieme con l’acquisto del furgone. Nel’54 nasce Urbano, nel 1956 Rossana. Nel 1965 il primo negozio in centro a Bassano.
A Piovene arrivano nel 1967 quando nasce Fabio, che a 7 anni si divertiva a distribuire i volantini dei saldi, mentre in negozio c’è anche Urbano. Nel 1980 si acquista lo stabile dove oggi c’è Lorentex. Nel frattempo a Schio la famiglia apre altri due negozi: nel 1971 Walki (jeanseria che vendeva anche 100 jeans a sabato), e nel 1976 Charlot Moda Giovane, poi chiusi.

Cecilia Dellai Bassan, commessa dal 1972, andava a prendere all’asilo Fabio del quale dal 1994 è socia. In ufficio campeggia la grande foto con l’antenata tra colleghe e pezze di tessuti di lana. Fabio è fiero della tradizione di famiglia, ma sa che “oggi bisogna saper assecondare la moda, senza dar nulla per scontato”. Mentre Cecilia, testimone di un epoca, guarda l’attualità delle buone proposte italiane e rimpiange quando “a Natale era tutto un luccichio”.